giovedì 19 ottobre, 2017 Stay Connected

Concorso di disegno “Disegno la mia maestra”

la mia maestra

di Lucia Quaranta

“Disegno la mia maestra” è il titolo della prima edizione del concorso di disegno aperto a tutti i bambini delle scuole primarie di Salerno e provincia, promosso dall’Ufficio Comunicazione dell’Arcidiocesi di Salerno e dalla Redazione della testata giornalistica agirenotizie.it.

Seicentocinquanta non è un modello di tasse da pagare, il nome di una band musicale, una moto da corsa, la soluzione ad un problema, niente di tutto questo! Seicentocinquanta è un numero che non teme di spogliarsi della fredda matematica di cui è fatto per rivestirsi di colore, tanto colore! Seicentocinquanta sono stati i disegni che hanno partecipato al concorso; preziosi elaborati in cui l’allegria, la fantasia si percepiva già all’interno del plico, infatti la gioia dei bambini è stata letteralmente spedita assieme al loro lavoro.

Se un disegno racchiude l’emozione, l’universo di un bambino ciò che fa bene ad un adulto, invece, è saper che ben dodici sono state le scuole partecipanti al concorso, 53 le classi impegnate e 13 saranno gli istituti di cui verranno esposti gli elaborati. Con o senza operazioni matematiche, questi sono i numeri o meglio rappresentano una risposta positiva da parte delle scuole e degli insegnanti che hanno offerto la possibilità agli alunni, tramite il concorso, di rappresentare l’immagine, l’idea che essi hanno della propria maestra. Una matita colorata ed un foglio è il gioco è fatto! Senza l’utilizzo del pc, del cellulare di ultima generazione, di programmi foto shop, i bambini hanno disegnato la figura più importante della loro infanzia: la maestra, e lo hanno fatto benissimo!

Il concorso “Disegno la mia maestra” nasce da un’idea semplice ed innovativa, perché ciò di cui hanno bisogno i bambini è un mondo che sia a misura di bambino; dove il colore verde può esprimere ancora un grande prato o il manto di una montagna, con il giallo si può disegnare il sole, da una matita spuntata possono prendere forma i banchi, gli astucci, i compagni di classe e il sorriso diventa una virgola orizzontale che accompagna i bambini nella crescita.

Il sofisticato mondo virtuale è stato sconfitto dalla semplice realtà delle matite colorate. I vincitori sono tutti i bambini cui va il più sentito grazie da parte di noi adulti. I loro disegni, infatti, anche solo per un istante, hanno lo straordinario potere di portarci indietro nel tempo, tra i banchi di scuola, dove rivivere ricordi velati come la polvere del gessetto alla lavagna, squillanti come l’attesa campanella che annunciava la ricreazione.

Le scuole finaliste, tramite mail, saranno invitate ufficialmente alla cerimonia di premiazione che si svolgerà il mercoledì 16 dicembre alle ore 16.00 presso il Salone degli Stemmi del Palazzo Arcivescovile di Salerno. Nel corso dell’evento alla presenza di S.E. Mons. Luigi Moretti e dei componenti della commissione giuria si scoprirà il nome dei vincitori.