martedì 21 novembre, 2017 Stay Connected

Ad Eboli tutti “Uniti nell’Amore”

uniti nell'amore

di Pierangelo Giarletta

Sabato 23 gennaio presso il Santuario di San Cosma e San Damiano di Eboli alle ore 19.30 tutte le parrocchie della Forania si sono riunite, in occasione della Veglia per la settimana di preghiera per l’Unità dei Cristiani che va dal 18 gennaio “Festa della Cattedra di San Pietro” al 25 gennaio “Festa della Conversione di San Paolo”, per vivere un momento di condivisione, di fraternità e di intensa meditazione sotto la guida dei Frati Cappuccini.

Quest’anno la Chiesa ha proposto di riflettere sulle parole della Prima lettera di San Pietro “Chiamati per annunziare a tutti le opere meravigliose di Dio”, ponendo al centro il legame tra il Battesimo e la testimonianza cristiana e focalizzando le varie dimensioni di un autentico discepolato.

L’Apostolo Pietro si rivolge alla prima generazione di credenti affinché questi prendano coscienza del dono che hanno ricevuto attraverso il Battesimo. Allo stesso modo, tutti noi, in questa Settimana di preghiera, siamo stati chiamati a riscoprire questo Sacramento.

La funzione è stata strutturata in diversi momenti di preghiera e di riflessioni, presieduta dal Rettore Padre Alessandro Campagnari ed animata dal Coro “San Damiano”.

All’inizio della Veglia sono state distribuite a tutti i presenti delle candele, in memoria del proprio Battesimo e del dono della Fede che abbiamo ricevuto tramite Esso. Queste candele sono state accese in due momenti fondamentali: alla proclamazione del Vangelo per sottolineare la bellezza della Parola di Dio come lampada per i nostri passi e Luce sul nostro cammino, e allo scambio della pace durante il quale i fedeli sono stati invitati a scambiarsi l’un l’altro la propria candela.

Il Camminare nel dialogo, il Camminare come Corpo di Cristo, il Camminare verso la libertà, il Camminare come figli, il Camminare come amici di Gesù, il Camminare come Famiglia, il Camminare oltre le barriere, il Camminare nella solidarietà, il Camminare insieme nella celebrazione, il “Camminare” è il centro di questi momenti che la Chiesa ci offre per nutrire il nostro rapporto con Dio e per incitare ogni cristiano ad andare avanti sul cammino verso l’unità piena, unendosi con i fratelli sia nella preghiera che nei fatti concreti, effettuando nel proprio ambiente piccole ma vere opere di misericordia.