mercoledì 13 dicembre, 2017 Stay Connected

Petrosino baluardo di legalità

petrosino_1

di Antonio Sica

Lunedì, 11 Aprile, dalle ore 10.00, si inaugura a Padula, in provincia di Salerno, il museo della legalità dedicato a Joe Petrosino, orgoglio della nostra penisola capace di combattere il pregiudizio di essere un emigrante italiano oltre oceano prima ancora di combattere il crimine. L’ iniziativa è nata grazie all’apporto della Rai, dell’Università di Salerno e dell’associazione “Libera contro le mafie”.

Per capirne di più, in collaborazione con Radio Bussola 24, abbiamo chiesto aiuto al responsabile scientifico del progetto, il professore Marcello Ravveduto, titolare della neo cattedra di Public&Digital History presso l’Unisa: “Petrosino è sicuramente uno snodo per quanto riguarda la conoscenza dei fenomeni mafiosi non solo negli Stati Uniti, dove conosciamo la sua attività di indagine e repressione della mano nera di un’organizzazione che si stava trasformando in un qualcosa di più complesso come “cosa nostra”. Ma è anche il conoscitore di questo ponte esistito tra la mafia siciliana e quella americana, è il primo che scopre questa globalizzazione criminale.”

Un progetto nato da un finanziamento del Por della Regione Campania, quindi anche con fondi dell’Unione Europea per l’utilizzo della casa che prima era della famiglia Petrosino e che ora è diventata un bene pubblico: “L’impianto è stato rinnovato anche dal punto di vista strutturale e anche rispetto al vecchio museo che già esisteva.”

Infatti, saranno aperti altri due piani: il piano terra rimanderà a quello che era il museo tradizionale legato alla storia e agli oggetti di Joe Petrosino. A seguire, nei piani superiori, altre quattro stanze tematiche: “con una galleria virtuale riguardante l’immaginario collettivo della storia delle mafie. In continuità logica con la storia di Petrosino ci sarà una stanza dedicata a cosa nostra americana e siciliana; un’altra legata alla camorra, essendo in territorio Campano e, infine, nell’ultima stanza una ricostruzione dei 20 anni del movimento antimafia di massa, attraverso i materiali dell’associazione “Libera contro le mafie” di don Luigi Ciotti.”

E lunedì sarà proprio don Luigi ad inaugurare l’evento con la presenza del sindaco di Padula, Paolo Imparato, e di tutti i rappresentanti degli enti e delle associazioni collaboratrici. “Partiremo dalla Certosa di Padula dalle 10.00 alle 12,30 con le scolaresche, provenienti non solo dal Vallo di Diano ma da buona parte della provincia di Salerno. Spiegheremo come funzionerà la galleria virtuale e soprattutto mostreremo per la prima volta in anteprima il cortometraggio sulla figura di Petrosino che stanza per stanza accompagnerà i visitatori. Per concludere alle 12.30 ci si sposterà alla stanza di Joe per l’inaugurazione ufficiale.”

Insomma un evento che, oltre ad onorare la figura di Joe Petrosino, darà la possibilità di riflettere e partecipare ad un tema, come quello delle organizzazioni mafiose, che da troppo tempo coinvolge i nostri territori e il nostro futuro.

 

 

Casa/Museo Joe Petrosino: parla il prof. Marcello Ravveduto – Intervista