mercoledì 13 dicembre, 2017 Stay Connected

Crossfit a Salerno, evento internazionale

A

di Giuseppe Garofalo

Chi lo ha detto che il modo migliore per combattere la canicola di un assolato fine settimana di luglio sia starsene sdraiato in riva al mare o seduto comodamente sul divano di casa con l’aria condizionata “a palla”. Si potrebbe anche andare a fare una passeggiata al parco e, mentre si passeggia godendo della frescura degli alberi, può capitare di imbattersi in omoni, ma anche donne, super palestrati, che incuranti del caldo, sudano e si sfidano tra loro in una gara di crossfit, il tutto allietato dalla musica di Radio Kiss Kiss e dallo speaker Pippo Pelo, ed inoltre da stand enogastronomici.

Teatro dell’evento, sabato 30 e domenica 31 luglio è stato il Parco del Mercatello di Salerno, dove si è svolta la prima edizione di “Battle of Stars”, organizzata dalla Arechi Crossfit Salerno, con il patrocinio del Comune e della Regione Campania.

Il Crossfit è una disciplina complessa sia per il numero di esercizi di cui è composta, sia per la terminologia utilizzata da chi la pratica. Ideata negli Stati Uniti, mira a far acquistare alle persone, di tutte le età, un benessere generale, attraverso un programma di rafforzamento e condizionamento fisico”, spiega Emanuele Palmieri della Crossfit Arechi, ideatore della manifestazione. “La caratteristica del Crossfit è quella di non essere mai uguale a se stesso, nel senso che non esiste un numero preciso di esercizi, o (workout) da eseguire, quotidianamente il coach studia nella sua palestra (box) i movimenti del giorno (wod), compresi in tre macroaree: corpo libero, sovraccarico e aerobica. Questo per far si che il corpo non si adatti agli stimoli e punti sempre a migliorarsi”, continua Palmieri. “L’evento da noi organizzato, comprendeva i movimenti classici della disciplina, senza inventarci nulla di particolare, in quanto il nostro scopo era quello di far divertire i partecipanti e si è svolto su sei circuiti, ognuno composto da un numero diverso di esercizi da eseguire. I primi cinque circuiti dovevano essere completati da tutti i 250 atleti iscritti alla manifestazione, provenienti da tutto il mondo, il sesto era la finale alla quale hanno preso parte i primi dieci atleti di ciascuna categoria. In palio c’era un montepremi di 20.000 euro da dividere tra i primi 3 classificati di ciascuna categoria. Al di là dei singoli vincitori per categoria una menzione particolare meritano i Salernitani Raffaele Ruocco, sesto nella categoria RX Man e, Vincenzo Granata atleta della Arechi crossfit, undicesimo su cento atleti della categoria Open Man”, conclude Palmieri.